L’illuminazione della casa è un aspetto molto importante che deve essere curato nei minimi particolari perché il risultato finale corrisponda appieno alle nostre aspettative.

Sei giunto alla scelta dell’illuminazione della tua casa. Forse hai già in mente le atmosfere che vuoi dare, o forse hai bisogno di un aiuto per scegliere al meglio. In entrambi i casi, in questo post ti daremo dei consigli utili per non commettere errori e quindi non doverti pentire di una scelta che potrebbe compromettere la conclusione ottimale del tuo stile di casa.

Una lampada serve ovviamente a dare luce, ma questa può e deve essere diversa in base all’ambiente in cui viene ospitata. Le lampade da soggiorno, per esempio, devono emanare una luce abbondante poiché è il luogo più vissuto della casa; le lampade per la camera da letto si dovrebbero invece adattare ai nostri differenti bisogni di giorno o di notte: di giorno abbiamo bisogno di una luce più generosa per permettere di scegliere il nostro abbigliamento o trovare i nostri calzini; di notte, per potere permetterci, ad esempio, di leggere a letto con una luce più soffusa.

La scelta di una lampada, però, non si ferma alla sola intensità della luce, ma prevede alcuni accorgimenti che non devono essere trascurati. Vediamo insieme quali sono.

· Lampade da tavolo, lampade sospese e lampade da scrivania: dimensioni e stile

Se pensi di acquistare quella bellissima lampada che hai visto all’interno di un negozio o su un catalogo di arredamento senza prima avere preso le misure dell’area in cui intendi posizionarla, stai sbagliando già dal principio.

Affidarci semplicemente alla nostra capacità ottica non basta, perché questa mente sempre. Se devi scegliere una lampada da tavolo, ad esempio, misura l’altezza e la circonferenza del tavolo su quale andrà posta. La regola da seguire dovrebbe essere quella per cui l’altezza complessiva di tavolo + lampada non dovrebbe superare 1,4/1,6 metri.

Le lampade sospese sono quelle che danno un tocco più romantico all’ambiente e la loro dimensione dovrebbe essere scelta in base allo spazio che andranno ad occupare. Hai la possibilità di scegliere tra una grande ed unica lanterna oppure tra più lanterne raggruppate in altezza e dimensioni differenti.

Fai attenzione alle misure: poniti in posizione eretta, alza in tuo braccio e aggiungi circa 30 cm (dipende anche dalla tua altezza, ovvio). Se la lampada è posizionata al di sopra di un tavolo, ripeti l’operazione ma da seduto. Nessuna lampada sospesa dovrebbe fare correre il rischio di andarci a sbattere contro.

Per quanto riguarda lo stile da scegliere per una lampada da tavolo, bisogna considerare il tipo di arredamento.

In genere, un arredamento con basi chiare richiede una lampada leggera e dalle linee semplici e definite, mentre quello con delle basi in legno o in ferro può avere bisogno di una lampada più ricca e consistente.

Considera che anche la scelta del materiale è molto importante per il tono e l’atmosfera che hai intenzione di dare: il cristallo dona un tocco glamour, la porcellana dipinta crea un’atmosfera lussuosa, le lanterne marocchine aggiungono note esotiche.

Attenzione, poi, a quando scegli una lampada da scrivania. Ovviamente, questa ti servirà per leggere, per studiare o per lavorare al PC. Considera che più alta è la lampada e più si illumina l’area sulla scrivania, quindi il tuo compito è quello di calcolare quanto spazio hai a disposizione per poi scegliere un’altezza della lampada sufficiente per assicurarti l’illuminazione necessaria.

Se esegui diverse attività come lettura, disegno, lavoro al PC ecc., avrai bisogno di una lampada che ti dia la possibilità di scegliere diverse intensità di luce e che sia flessibile, per essere inclinata in base alle tue necessità. Opta poi per una lampadina a LED di almeno 5-10 watt, la più indicata per il genere di attività a scopi di lavoro.

lampada da scrivania

Pensa poi alla luminosità, che è la funzione principale della tua lampada. Un tessuto opaco che illumina lo spazio dal soffitto al pavimento, dà più un’illuminazione puramente decorativa. Per illuminare una stanza o per attività come la lettura, è preferibile un paralume traslucido che diffonde la luce.

· I paralumi e lampade da terra

E veniamo ai paralumi. Parlando di dimensioni, di solito i paralumi da tavolo e i paralumi da scrivania dovrebbero avere un’altezza di circa 2/3 della base, mentre per le lampade da terra, un rapporto 4:1 funziona meglio. Le proporzioni sono molto importanti perché se è troppo alto risulterà pesante, se è troppo basso sembrerà sbilanciato.

Il paralume dovrebbe poi avere la parte più ampia di almeno 1 cm in più rispetto alla sua base e viene scelto in base alla forma della sua lampada. Se questa è rotonda, si adattano meglio forme più arrotondate, se la base è quadrata la scelta ricade su forme più angolari.

Potrai decidere l’effetto che vuoi ottenere anche in base alle pieghe: ricorda che un paralume liscio ha un effetto più raffinato e contemporaneo mentre le pieghe si abbinano bene a un ambiente più tradizionale.

Per quanto riguarda invece le lampade da terra, queste offrono un’illuminazione diffusa o diretta e si adattano bene a qualsiasi ambiente. Esistono lampade da terra che forniscono luce a tutto l’ambiente, lampade con luce semi-diretta e lampade da lettura. Ci sono, poi, lampade fisse o ad arco, che offrono un po’ più di versatilità.

Scegli la tua lampada da terra in base all’intensità di illuminazione che vuoi dare all’ambiente e alla sua conseguente atmosfera. Per un “effetto caldo”, potresti optare per diverse lampade da terra ombreggiate. Se, invece, vuoi qualcosa che illumini solo una zona o un particolare, scegline una singola con luce diretta.

· Lampade da muro: plafoniere ed applique

E concludiamo con le plafoniere e le applique. Le lampade da muro possono servire a diversi scopi e sono disponibili in numerosi stili e materiali. Possono servire a fornire l’illuminazione necessaria per la sicurezza, per sottolineare e dare valore a caratteristiche architettoniche o a opere d’arte, per illuminare un ambiente o per supportare altri tipi di illuminazione.

Le lampade da parete possono essere applicate in qualsiasi stanza: nei bagni stratificano la luce e possono fiancheggiare uno specchio per eliminare le ombre che tendono a proiettare le lampade a sospensione. Nelle camere da letto servono come seconda illuminazione, più tenue e soffusa, destinata alle ore notturne. Insieme ad altri tipi di illuminazione ambientale aggiungono atmosfera e illuminano angoli che potrebbero risultare troppo ombrosi.

applique

Il posizionamento di una plafoniera o di una applique dipende dall’altezza del soffitto e dalle dimensioni della lampada. Generalmente, il posizionamento dovrebbe avvenire a circa 1,80 cm da terra e non dovrebbe mai essere ad altezza occhio. Visto che le applique sono comunemente usate per i corridoi, non commettere l’errore di installarne troppe per non rischiare un “effetto pista di atterraggio”! Un’applique ogni 2-3 metri dovrebbe essere la distanza tollerabile, ovviamente dipende poi dalle dimensioni dei corridoi.

Quando scegli la lampada da muro, fai attenzione alle dimensioni della stanza, anche in termini di sicurezza. La scelta di una lampada che si allontana troppo dalla parete, in un ambiente di piccole dimensioni, potrebbe provocare incidenti.

Adesso che hai ben chiaro cosa considerare per scegliere una lampada, dai un’occhiata al nostro ampio catalogo: di sicuro troverai quella che fa per te!